BOBBY PREVITE, Rhapsody

Parterre de rois per questo disco di Bobby Previte (trap drum, percussioni, autoharp, chitarra, armonica): sono con lui in questa rapsodia John Medeski (piano), Zeena Parkins (arpa), Fabian Rucker (sa...

SONAR WITH DAVID TORN, Vortex

Inverno 2015, mi trovavo a lavorare e vivere, ahimè, a Zurigo, una città bellissima ma purtroppo abitata dagli svizzeri tedeschi (gente dal cui mood mi sento lontano non anni, ma secoli-luce). Di ques...

STEFANO GIUST

Stefano Giust è un puro. È batterista e instancabile deus ex machina di Setola di Maiale, un’etichetta dedita da un quarto di secolo all’improvvisazione nelle sue svariate forme, forte ora...

JIHA PARK, Communion

Un soffio, un respiro che si fa strada attraverso una nebbia intima e galattica, rimbrotti celesti come di stelle severe e lontane, un sentiero lastricato da aguzzi ciottoli percussivi, spigoli elettr...

MARCO COLONNA, Scaleno

Provare a non chiudere una frase, lasciare uno spiraglio per chi vuole entrare: che lo faccia senza chiave, senza chiedere permesso, che metta pure una parola dove crede. Stare meglio quando s’i...

TOOTARD, Laissez Passer

I Tootard arrivano dal villaggio di Majdal Shams, sulle alture del Golan occupate da Israele dal 1967, e sono al loro secondo album, il primo ad avere una distribuzione internazionale grazie alla Glit...