OLD MOTHER HELL, Old Mother Hell

I tedeschi Old Mother Hell nascono dalle ceneri della thrash metal band Hatchery e vedono alla chitarra e alla voce Bernd Wener, il cui timbro solenne sostiene gli episodi inclusi in questo debutto. In origine realizzato in autonomia dalla formazione di Mannheim, viene prontamente ristampato anche in formato vinile da Cruz Del Sur. Sei brani epic metal con influssi heavy/doom che colpiscono immediatamente per la loro efficacia e varietà. All’interno di essi convivono alcuni tratti del metal più tradizionale e un evidente gusto melodico. Un tratto distintivo dell’album è il suo essere lineare, nel senso che già a partire da “Another War” si intuisce quale sarà il filo conduttore che lega i differenti episodi e ci si lascia avvolgere dalle atmosfere evocative intessute dai tre musicisti. La produzione (curata da Jens Siefert) ha un retrogusto autenticamente anni Ottanta e contribuisce a rendere speciali “Mountain” e “Howling Wolves”. Non si nota nessun brano che spicchi al di sopra degli altri e ciò è positivo, perché fa si che vengano assaporati con la medesima intensità. Ottimo punto di partenza.