LADY BEAST, Vicious Breed

I Lady Beast di Pittsburgh (Pennsylvania) propongono heavy metal: gli episodi inclusi in Vicious Breed paiono compatti e allo stesso tempo arricchiti da input NWOBHM, riscontrabili in particolare nell’approccio chitarristico di  Andy Ramage e Chris Tritschler. Le linee vocali sono di Deborah Levine, il cui timbro lievemente ruvido si adatta bene tanto ai brani dall’impianto classico, quanto a quelli dalle inflessioni speed / thrash. L’album contiene anche un’energica ballata (“Always With Me”) e una  traccia strumentale (“Sky Graves”), che si inseriscono pienamente nel contesto, mostrando la versatilità dei musicisti coinvolti. Le canzoni restanti, a partire dall’incipit di “Seal The Hex”, rivelano un gusto melodico non indifferente, incastonato tra riff quadrati e ritmiche sostenute. L’equilibrio instauratosi tra i diversi elementi che vanno a costituire il terzo album della formazione statunitense permette sia una fruizione semplice del tutto, sia la scoperta di nuovi particolari anche a seguito di alcuni ascolti. La band ha raggiunto una sintesi tra una veemenza impattante che possa indurre l’ascoltatore a entrare in sintonia con “The Way” e la necessità di mantenerne desta l’attenzione con cambi di tempo e fugaci assoli di chitarra. La produzione enfatizza questi aspetti inserendosi in un contesto che permette di farne risaltare alcuni passaggi, senza per questo divenire artificiosa. In fin dei conti, il pregio di questa nuova pubblicazione Cruz Del Sur sta nel suo seguire una linea stilistica precisa, sviluppandola in maniera sincera e coerente.