HEXVESSEL, All Tree

HEXVESSEL, All Tree

All Tree è permeato da un alone folk che, pur prendendo spunto da differenti culture, rievoca in particolare la tradizione anglosassone e nordeuropea. C’è un ampio ricorso a flauti, percussioni e field recordings, che contribuiscono alla cattura di un suono arioso. Gli spazi aperti sono la principale fonte di ispirazione del gruppo e vengono richiamati frequentemente attraverso titoli dal sapore agreste. I cori mantengono un sottile equilibrio tra la riproposizione improvvisata di canti tradizionali e lo studio filologico della loro struttura ed esecuzione. È percepibile uno iato tra la splendida esecuzione (ad esempio degli assoli di chitarra) e l’atmosfera senza pretese di alcuni episodi. Il punto di forza degli Hexvessel sta proprio nel riuscire a fare comunicare tra loro stati d’animo differenti, attingendo non solo alla musica popolare, ma anche al cantautorato e in minor parte alla psichedelia. I brani inclusi in All Tree sono tendenzialmente brevi e si rivelano essere complementari nel loro aggiungere sfumature di colore a una tavolozza già di per sé ricca eppure in costante evoluzione. Non si tratta di un album immediato, ma è un po’ come la natura che lo ha ispirato: mentre alcune persone ne restano immediatamente affascinate, altre hanno la necessità di entrarvi in contatto a più riprese e di assaporarla lentamente.

Tracklist

01. Blessing
02. Son Of The Sky
03. Old Tree
04. Changeling
05. Ancient Astronaut
06. Visions Of A.O.S.
07. A Sylvan Sign
08. Wilderness Spirit
09. Otherworld Envoy
10. Birthmark
11. Journey To Carnac
12. Liminal Night
13. Closing Circles