EARTHEN GRAVE, Earthen Grave

Earthen Grave

Ron Holzner è un bassista conosciuto per aver suonato nei Trouble durante la seconda fase della loro carriera. Si unì alla band di Chicago ai tempi di Run To The Light e vi rimase sino alla pubblicazione di Plastic Green Head. Dopo un periodo di inattività, tornò a farsi sentire nei Debris Inc., progetto fondato insieme a Dave Chandler.

Gli Earthen Grave sono un nuovo gruppo che propone essenzialmente heavy metal dalle sfumature doom, sorretto dalla voce potente di Mark Weiner. Vi è pero un ingrediente insolito. Rachel Barton Pine è una violinista classica nota a livello internazionale e con all’attivo numerose esecuzioni di Handel, Liszt e… Led Zeppelin. Ritrovarla all’interno di un album metal dalle coordinate tutto sommato ben definite sorprende non poco, ma “Life Carries On” sarebbe stato un brano groovy anche senza di lei, che successivamente, in “Burning A Sinner”, è relegata a un ruolo di accompagnamento. E per fortuna. “Blood Drunk” è l’unico episodio davvero coinvolgente fra quelli qui inclusi e – ancora – risulta difficile comprendere quanto il violino abbia influito sul risultato finale. Certo è che la presenza costante di questo strumento risulta essere poco gradita, soprattutto a chi di solito apprezza la compattezza e la potenza di uno stile di per sé poco propenso alle innovazioni. “Dismal Times” e “Fall In” si ripetono con insistenza e sarebbero state noiose in ogni caso, mentre “Relentless” non differisce poi molto dall’originale. In fin dei conti si tratta di un lavoro un po’ pretenzioso, che finisce per confermare la regola secondo cui l’heavy metal classico non si presta alle infiltrazioni da parte di altri generi musicali. Un disco cui avvicinarsi con molta cautela…