Argo16: (VE) gli appuntamenti di dicembre ’18

Riceviamo da Argo16 e pubblichiamo.

Yakamoto Kotzuga

08. Voci Sparse Vol. 5

09. AV presenta: L’Impero della Luce + Blak Saagan / L’ultimo uomo sulla terra

13. Rassegna cinematografica “Carne e spirito”: Il treno per Darjeeling, W. Anderson (2007, 91min)

14. Jazz al Vega | Radio Days – Le musiche di Woody Allen + Jam

15. Yakamoto Kotzuga / Indian Wells

La serie New Geometries prosegue offrendo il 15 dicembre uno scorcio tutto italiano sull’elettronica d’autore. Sul palco il veneziano Giacomo Mazzuccato – in arte Yakamoto Kotzuga – che finalmente presenta nella sua città il nuovo live audio video, a supporto di Slowly Fading uscito ad inizio anno per La Tempesta. La performance sarà accompagnata ai live visuals dall’altrettanto veneziano Furio Ganz, già con noi in occasione del live di Populous. Live Audio Video sarà pure quello in apertura del calabrese Indian Wells, fresco di uscita per la statunitense Friends of Friends, e proprio in questi giorni protagonista dell’opening act dell’unica data italiana di Jon Hopkins a Roma.

Yakamoto Kotzuga

Yakamoto Kotzuga (all’anagrafe Giacomo Mazzucato) nasce nel 1994 a Venezia. Un giovane talento capace di togliere dal cilindro beat avvolgenti, calde frequenze chitarristiche e melodie mozzafiato che si arrampicano sublimando poi in improvvise esplosioni.
L’esordio è nel 2013 con un ep, Rooms Of Emptiness, fuori per Bad Panda Records, a cui fa seguito pochi mesi dopo “Lost Keys & Stolen Kisses”, per i francesi di Highlife Recordings. Applausi dalla critica e una crescente attenzione lo portano a firmare alcune produzioni per Ghemon e Mecna, insieme a numerosi remix e svariate collaborazioni, tra le quali spicca la scelta della sua “Your Smell” come colonna sonora per svariati reportage di Vogue alla Fashion Week di Parigi.
Con “All These Things I Used To Have” nel 2014, entra nella divisione internazionale della rinomata etichetta La Tempesta. Nel 2014 vince una residenza artistica a Fabrica, il centro di ricerca sulla comunicazione del gruppo Benetton, dove attualmente svolge il ruolo di compositore e sound designer, creando colonne sonore per documentari, installazioni e pubblicità del marchio.
Nei primi mesi del 2015 firma un contratto di esclusiva editoriale con Sugar, editore indipendente tra i più importanti in Europa, che mette a disposizione del giovane musicista e produttore il proprio network italiano ed internazionale. Il suo debut album, Usually Nowhere, esce il 24 marzo 2015 per La Tempesta International/Sugar, confermando la continua evoluzione e maturazione del giovane producer veneziano e portandolo a condividere il palco con artisti come Forest Swords, Tycho, Plaid, Lone, Jhon Talabot, Legowelt e molti altri. Il video del primo singolo estratto, “Hermit”, prodotto da Fabrica, viene presentato sulla rinomata rivista inglese FACT Magazine, confermando il crescente interesse internazionale per il progetto dopo il tour francese di quest’inverno.

Indian Wells

Indian Wells, all’anagrafe Pietro Iannuzzi, torna con un nuovo ep dal titolo Phase Transition, uscito il 26 ottobre 2018 su Friends Of Friends – FoF Music, etichetta di Los Angeles sulla quale aveva pubblicato il suo ultimo disco “Where the Word Ends” nel 2017 (Mixmag top 50 Albums of the Year).
“Nella mia mente questo ep è una transizione da uno stato all’altro; con tracce più da club come “Closer”, nato da una collaborazione con Aroly Tariq del duo australiano Audego, e brani come “Math / Creation” e “Untitled” che sono a metà strada tra ambient e upbeat”, dice l’artista. “Questi sono momenti di evoluzione e cambiamento, indice di come il mio processo creativo e produttivo stia cambiando seguendo la naturale trasformazione ed evoluzione della mia vita, ma anche in seguito all’utilizzo di nuovi elementi compositivi come sintetizzatori modulari”.

16. BalNatal: Naragonia e DaDgad

20. Rassegna cinematografica “Carne e spirito”: Ferro3 – La casa vuota, K. Ki-Duk (2004, 88min)

21. Compleanno Zappa (in collaborazione con il Conservatorio “Benedetto Marcello” di Venezia)

22. Do Not Friday Underground

23. Disco Litorale presenta Jolly Mare

28. Dj Gruff & Gianluca Petrella

31. Capodanno ad Argo16