NIGHT DEMON, Night Demon

Night Demon

È da un po’ di tempo che Shadow Kingdom stampa in cassetta la maggior parte delle sue produzioni, rivolgendosi così a un fetta di ascoltatori non troppo ampia, eppure costantemente dedita alla scoperta di band del sottosuolo mondiale che non siano solo provenienti da un passato ormai remoto, ma anche contemporanee. Naturale che vi sia comunque un che di nostalgico in ogni numero del suo catalogo, improntato alla riproposizione dei tipici canoni heavy metal o (come in questo caso) della NWOBHM. Dedicarsi oggi ad uno stile che si identifica quale momento di passaggio tra l’hard rock degli anni Settanta e sonorità successivamente mutate in una vastità di stili talvolta antitetici, significa aver subito il fascino di un’epoca che non c’è più e che non si ha nemmeno vissuto, magari. Le emozioni che alcune band di quel periodo hanno veicolato sono però talmente intense da coinvolgere anche chi è nato negli anni di MTV e si è suo malgrado perso il fermento musicale che accompagnava i primi passi di Diamond Head, Praying Mantis e Tygers Of Pan Tang. I Night Demon si inseriscono in quel contesto e lo fanno con dedizione, attraverso una manciata di brani talvolta legati alla tradizione rock’n’roll e talaltra avvolti da un alone evocativo presente in altre formazioni di quel periodo (Wikkyd Vikker, Bashful Alley o i più tardivi Charger).

Produzione e linee vocali hanno tutto per riportare con la mente (e il cuore) ai primi anni Ottanta, laddove ciò in cui crediamo ha avuto origine.

Nota della redazione: questa in cassetta è una versione con ulteriori bonus rispetto allo stesso disco già recensito due anni fa.