BENOÎT PIOULARD

Thomas Meluch da Seattle, il cui nom de plume è Benoît Pioulard, è in giro adesso per l’Europa. Passerà a Udine (Visionario) venerdì 17 marzo e a Trieste (Tetris) il 18. Il suo sesto album per un’isti...

DRIFTMACHINE, Radiations

Di sicuro i Driftmachine sono una delle scoperte più consistenti dell’ottima Umor Rex, che anche in questo caso mette al loro servizio un design impeccabile. Su questo vinile ci sono due remix, un ine...

EMPTYSET, Borders

È evidente che intorno a Emptyset, Jebanasam e Porter, tutti collegati e in alcuni casi anche soci (rimando alla recensione di Continuum), si sta coagulando parecchia attenzione. James Ginzburg e Paul...

LOSCIL, Monument Builders

È il Loscil che conosciamo, quello di Monument Builders: atmosfere piovose, calore, punteggiatura ritmica quasi trip-hop, fantasmi di ascolti dub (bello qui l’uso del suono dei fiati in alcune circost...

THE GREAT SAUNITES, Green

The Great Saunites vuol dire anzitutto basso più batteria. Om (accenni), reiterazione e pesantezza nella prima traccia “Dhaneb”: in pratica qui ho di fronte il duo inscalfibile che ho imparato ad appr...

ORTHODOX, Supreme

Non so se solo io mi ricordo di quanto si parlasse degli Orthodox (Siviglia, Spagna) più o meno dieci anni fa. Era l’epoca di Amanecer En Puerta Oscura, che usciva sia per Alone Records (sempre Spagna...

XENNAN, Pass Away

Xennan è il friulano Alex Ortiga, che si muove anche dietro le quinte di Stay, etichetta-network di musicisti con la quale pubblica il suo esordio Pass Away, ispirato –racconta lui – da un periodo in ...

KINETIX, Urban Nightscapes

In un mondo di incontri-scontri tra ritmi e persone, Gianluca Becuzzi è seduto all’ultimo piano di un grattacielo (potrebbe essere ovunque, Singapore come New York come Brasilia) e decide di installar...